Il toro non sbaglia mai – Matteo Nucci

Ho sbagliato a comprarlo, tutto qui. Ho sbagliato a fidarmi della bellissima copertina che ritrae un toro (io sono toro) e in parte la stessa introduzione mi ha tratto in inganno. Insomma non mi è affatto piaciuto, non mi riferisco allo stile della scrittura, scorre ed è ben scritto, ma alla tematica.
Se amate gli animali è un libro da evitare come la peste nonostante il co-protagonista, (un ex torero) per bocca dell’autore, cerchi di spiegare che la corrida è quasi un’arte e che è meglio per il toro morire così, lottando (ad armi impari, dico io) piuttosto che macellato in un triste mattatoio…non so bene come faccia a saperlo visto che mi risulta che il toro non riesce ancora a parlare, a esprimersi come noi…
Quello che io contesto è il divertimento a fronte della morte di un animale, come la caccia, anche la corrida si svolge su un piano impari dove è sempre l’uomo ad avere il coltello dalla parte del manico, basti pensare che se il toro incorna il torero accorrono subito in suo aiuto per distrarre la bestia, non accade il contrario però.

E’ uno dei libri che ho portato in vancanza e che ho dovuto per forza leggere percè non riesco a non terminare un libro anche se non mi piace.
Diciamo che Il toro non sbaglia mai può essere un libro gradevole per chi ama già di per sé la Corrida, io la odio e la trovo inutile.
Ho trovato particolarmente noiosa la dovizia di particolari sulle tecniche della corrida, sull’abbigliamento e soprattutto l’esaltazione di questo massacro.

Annunci

2 risposte a "Il toro non sbaglia mai – Matteo Nucci"

  1. premetto che non ho mai visto una corrida dal vivo e direi che non sarei mai andato a vedere una corrida prima, ma consiglio a tutti di leggere il libro e di andare un po’ più in la della semplicistica visione della corrida. E’ un libro ben scritto e di non facile lettura per le innumerevoli citazioni filosofiche. Descrive pienamente lo spirito spagnolo e la mentalità della sua gente. Lascierei perdere ogni polemica animalista non penso fosse nello spirito dell’autore esaltare la corrida, quanto descrivere con dovizia di particolari tutto l’ambiente circostante. E’ un libro che invita alla curiosità e ad approfondire anche temi che possono essere banali per alcuni come la corrida.

  2. Ciao Armando e benvenuto sul mio blog, grazie per il tuo commento!
    E’ vero, come ho scritto anche io, il libro è scritto davvero bene ma ho sentito di sconsigliarlo a chi ama gli animali perchè nonostante non fosse quello lo spirito dell’autore, i riferimenti alla sofferenza del toro ci sono anche se “alleggeriti” da belle frasi e citazioni filosofiche (Filosofia che amo, mi sono laureata proprio in Filosofia del Diritto 🙂 ).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...